foto linkedin

Giacomo Mosca

Piattaforme People Care: non è solo una questione tecnologica

Condividi:

Facebook
LinkedIn
Ormai gli addetti ai lavori lo sanno, ne sono consapevoli, le piattaforme che erogano all’interno delle aziende servizi people care devono avere standard di accessibilità a tutela di tutte le tipologie di potenziali utenti. Si è finalmente affermata l’idea, dopo anni di dibattito, che la qualità di una piattaforma non riguarda soltanto aspetti tecnologici o aspetti grafici, ma attiene anche a questioni sociali. Si è passati cioè dalla user experience alla social experience.

Del resto, non poteva essere altrimenti, da sempre nelle aziende le politiche People Care viaggiano di pari passo con le politiche e le pratiche di Diversity & Inclusion. Le due dimensioni dei servizi, quella di supporto e quella di inclusione, si condizionano e si alimentano reciprocamente. Come dire, il potenziamento del benessere o è per tutti o perde la sua forza. E’ come se ci dicessimo che il benessere non vive solo dentro una dimensione individuale, ma è un fenomeno che prende forza solo in un contesto collettivo, dove a tutti sono concesse pari opportunità.

Nel frattempo, ha compiuto il suo iter legislativo e applicativo la così detta Legge Stanca. Tale normativa riconosce e tutela il diritto di accesso ai servizi informatici e telematici della pubblica amministrazione per le persone portatrici di disabilità, garantendo il rispetto del principio fondamentale di pari opportunità e l’accesso di tutti i cittadini ai servizi della pubblica amministrazione.

La legge propone anche una definizione di accessibilità. Quest’ultima coincide con “la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari”.

La legge compie anche un passo ulteriore e individua molti soggetti interessati e coinvolti nella sua applicazione. Stando alla disposizione, infatti, la Legge Stanca si applica a:

  1. Pubbliche amministrazioni;
  2. Aziende private concessionarie di servizi pubblici;
  3. Enti di assistenza e di riabilitazione pubblici;
  4. Aziende di trasporto e di telecomunicazione a prevalente partecipazione di capitale pubblico;
  5. Aziende municipalizzate
  6. Aziende appaltatrici di servizi informatici.

In questo contesto noi di Welfood abbiamo predisposto un piano d’azione che ha prodotto negli ultimi mesi il risultato sperato. Dal 1* dicembre  2023 la nostra piattaforma rende operativi nuovi standard di accessibilità a tutela di molte tipologie di utenza.

Per noi è stato un passo naturale, coerente con la nostra mission e con le nostre policy interne. Supportare percorsi di cambiamento delle abitudini di benessere diventa da oggi più semplice, grazie ad un ambiente digitale più accogliente ed inclusivo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *