#iorestoacasa…i consigli della Nutrizionista!

Abbiamo chiesto a Daniela Filippini, Nutrizionista Welfood, di aiutarci a gestire le nostre abitudini alimentari in questo difficile momento di permanenza a casa.

In questo periodo di isolamento forzato molte delle nostre abitudini alimentari sono cambiate e
stanno cambiando. Alcuni di noi hanno anche più tempo da dedicare alla cucina. Puoi darci
qualche consiglio per non rinunciare a coltivare la nostra salute anche in questo momento così
difficile?

L’isolamento forzato ci costringe a stare a casa in momenti della giornata in cui
normalmente siamo fuori per lavoro. Può essere una buona opportunità per riscoprire il
momento del pranzo, progettando un pasto bilanciato e completo, con piatti preparati al
momento, sperimentando cibi e abbinamenti che normalmente non si ha il tempo di
preparare. Per esempio può essere un’occasione per fare diventare regolare il consumo di
cereali integrali, che solitamente hanno bisogno di un maggiore tempo di cottura; oppure
possiamo dedicarci ai legumi secchi da tenere in ammollo al posto di legumi già
confezionati e pronti, solitamente ricchi di zuccheri e di additivi.
Dedicandoci con cura al pranzo possiamo organizzare anche una cena meno abbondante del
solito e in un orario anticipato, lontano dal sonno.
Stabilisci degli orari: per la sveglia, i pasti, l’esercizio fisico e il sonno. Una buona routine
contrasta stress, insonnia e fame nervosa, e fa riscoprire il gusto del cambiamento delle
nostre abitudini alimentari.

Se qualcuno poi volesse decidere di sfruttare questo momento per un cambio radicale del proprio
stile alimentare, da quali passi consiglieresti di iniziare?

Comincerei dall’inizio, la colazione: pasto troppo spesso sottovalutato e sottostimato!
Quante volte ci lamentiamo di non fare colazione, o di non farla in maniera adeguata perché
“non c’è tempo”? Ecco, ora abbiamo tutto il tempo per provare a cambiare radicalmente
questa abitudine. Apparecchiamo la tavola e prepariamola seguendo il nostro gusto, ma
sperimentando: se siamo abituati a fare colazione sempre nello stesso modo, proviamo ad
alternare, provando ad esempio la ricetta di quei pancake di cui tutti parlano; oppure
azzardiamo una volta la colazione salata, ad esempio una omelette o le uova strapazzate.
Approfittiamo per scoprire modalità e gusti nuovi, che magari ci piacciono così tanto che
riusciremo a trovare il tempo per continuare anche dopo… quando la vita tornerà, prima o
poi, alla normalità. E ricordiamoci che la colazione abbondante è fondamentale per attivare
il nostro metabolismo, ed è opportuno che contenga una quota di frutta, una quota di cereali
integrali e una quota di proteine salutari.

Un tema forzatamente di attualità oggi è il potenziamento del nostro sistema immunitario tramite le
nostre abitudini alimentari. Premesso che tale potenziamento è sicuramente frutto di abitudini
consolidate, quali cibi e quali alimenti possono aiutarci in questa direzione?

Rinforzare le difese immunitari significa innanzitutto prendersi cura del nostro intestino,
prima sede del sistema immunitario. A questo scopo, aumentiamo il consumo di Verdure
crude e Frutta fresca, per la presenza di Vitamine e Fibre. E alimenti fermentati, come
Yogurt e Kefir biologici, senza additivi e zuccheri aggiunti, che abbassano la capacità
dell’organismo di rispondere agli attacchi esterni.
Non meno importante, un po’ di esercizio fisico in casa, costante e quotidiano.

Anche le modalità e le abitudini di spesa in questi giorni sono forzatamente trasformate. Secondo te
in questo periodo possiamo avere attenzioni particolari per fare la spesa con un occhio particolare
al nostro benessere e alla nostra salute?

Fare la spesa è un momento delicato perché, adesso più che mai, organizzare quello che c’è
nella dispensa definisce quello che andremo a mangiare nell’immediato. Un’ottima
abitudine è fare una lista scritta delle cose da comprare. Particolare attenzione va a frutta e
verdura, fresca e di stagione, in una quantità che ci basti fino alla spesa successiva, magari
anche considerando una parte di verdura surgelata. Evitiamo di comprare piatti pronti, una
sana alimentazione non passa dalle quantità di calorie che mangiamo, ma dalla qualità del
cibo che scegliamo, quindi privilegiamo piatti che vengono da alimenti genuini e freschi. E
poi attenzione agli snack zuccherati o ricchi di grassi: se ce li abbiamo in dispensa sarà
difficile non mangiarli, soprattutto nei momenti di noia o di sconforto. Una buona abitudine
e quella di utilizzare frutta fresca e frutta secca per i nostri spuntini.
Un ultimo consiglio: quando scegliamo qualche prodotto facciamo diventare consuetudine la
lettura della lista degli ingredienti. E’ un modo semplice per evitare di acquistare prodotti
eccessivamente trasformati, con un potere nutrizionale decisamente impoverito.