elena faini

Elena Faini

Autenticità, ovvero essere se stessi

La prima vocazione di ogni essere umano è quella di divenire se stesso.

Il benessere, lo star bene con se stessi e con gli altri richiede conoscenza dei propri vissuti, profondo contatto con i propri bisogni, riconoscimento dei propri limiti,  accoglienza delle ferite e apertura al desiderio.

La via maestra per scoprire l’autenticità è imparare a riconoscere le emozioni, dare loro un nome e utilizzarle come se fossero un termometro per misurare quanto una situazione è fonte di serenità o inquietudine. Le nostre sensazioni non devono essere allontanate ma considerate una bussola per capire la direzione a cui tendere se vogliamo trovare pace in noi stessi e dare spazio alla nostra vera natura.

Per quanto il compito sia arduo, comprendere la nostra vera natura, la nostra impronta interiore, è il punto di partenza per progettare il futuro e tendere alla realizzazione di noi stessi. Non dobbiamo snaturare o modificare la nostra essenza perché trascurare o tradire la nostra parte autentica più profonda ci induce a cadere nella perdita di senso accompagnato da perenne insoddisfazione. L’inquietudine e il disorientamento che ne derivano possono costituire dei campanelli di allarme per risvegliare la nostra attenzione e spingerci a ritrovare la rotta.

Autenticità va di pari passo con relazioni genuine: amicizie in cui ci sentiamo comodi, affetti da cui ci sentiamo nutriti e in cui possiamo mostrarci senza maschere in tutta la nostra vulnerabilità, luoghi e contesti in cui possiamo ascoltare le nostre passioni e inclinazioni per investire in direzioni che valorizzino le nostre potenzialità.

Salvador Dalì diceva “Non aver paura della perfezione, non la raggiungerai mai”.

Autenticità, dunque, come antidoto alla spinta spasmodica alla prestazione, al successo a tutti i costi.

L’unica cosa che noi abbiamo e che nessun altro ha, siamo noi stessi. Diamo dunque voce alla nostra vita come solo noi sappiamo fare.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *